Questo sito utilizza i cookie per fornirti la miglior esperienza di navigazione possibile. Proseguendo la navigazione, accetti le nostre policy sui cookie.

Microrganismi

MICRORGANISMI
LA PIU' PICCOLA FORMA DI VITA


I microrganismi rappresentano la forma di vita più piccola esistente.

La loro struttura, infatti, è sufficiente per garantire il fattore minimo comune a tutti gli esseri viventi: la Riproduzione.

I Batteri sono organismi unicellulari la cui struttura (Membrana cellulare, protoplasma, Nucleo) consente loro di assumere nutrimento dall'esterno e convertirlo in materia ed energia.

Sono quindi autonomi.

Escherichia coliI Batteri poi si riproducono replicandosi e provocando la crescita della colonia in maniera esponenziale (Da uno se ne originano due, da due quattro, da quattro otto e così via... ma non all'infinito a causa dell'intervento di fattori limitanti quali la disponibilità di cibo).

Per i virus l'andamento è  diverso: sono sempre organismi strutturalmente semplici ma non possiedono la struttura delle cellule: sono costituiti da un filamento di DNA racchiuso all'interno di una capsula proteica.

TMVPer replicarsi necessitano di una cellula ospite che può essere un Batterio ma anche una cellula strutturale.

Il virus inietta un filamento di RNA (replica del loro DNA) all'interno della cellula ospite e da questo trae origine un nuovo virus a spese della cellula ospite che così muore.

Il nuovo virus a sua volta si replica allo stesso modo.

Nella immagine a sinistra è visibile il Virus del Mosaico del Tabacco (TMV) che è stato uno dei virus più studiati in passato.

Batteri e Virus rappresentano in ogni caso due categorie di organismi che, malgrado le  loro minime dimensioni (i batteri sono visibili al microscopio ottico mentre per i virus occorre il microscopio elettronico), possono influire in maniera enorme, nel bene e nel male sulla vita di altri organismi molto più grandi di loro compreso l'Uomo stesso.

Esistono batteri che contribuiscono a farci sopravvivere (batteri simbionti come quelli che compongono la flora intestinale) e batteri che possono essere letali come la Pasteurella pestis (la causa della Peste), il bacillo del tetano  e molti altri.

Analogamente esistono virus innocui per l'Uomo ma anche virus tremendi come l' HIV, che causa l'insorgere dell'AIDS.

DISINFEZIONE ED IGIENE: SI' MA CON CRITERIO...

Siamo tutti ormai abituati ai messaggi promozionali che, paventando terribili conseguenze, ci propinano prodotti per la disinfezione di ambienti e di oggetti  come accessori o capi di abbigliamento per bambini.

Ovviamente l'igiene è importante ma bisogna stare attenti a non esagerare.

I motivi sono pochi e semplici:

- L'eccessiva disinfezione lascia campo libero alla proliferazione di microrganismi
- La probabilità che da una superficie disnfettata al 99 % possa proliferare una specie pericolosa non è bassa
- L'eccesso di utilizzo dei disinfettanti può  originare colonie resistenti
- I disinfettanti sono comunque sostanze  dotate di una certa tossicità

La morale è quindi: Igiene ma con criterio!!


I METODI DI DISINFEZIONE

-
METODI FISICI
- METODI CHIMICI

METODI FISICI

Il metodo fisico più antico di disinfezione è sicuramente il CALORE: anche quando non erano conosciute le cause delle infezioni (Batteri e Virus) l'Uomo scoprì che il fuoco "purificava": così nelle epidemie venivano dati alle fiamme abiti, i cadaveri deceduti di malattia, ecc.

Ancora oggi il calore viene utilizzato per la disinfezione per mezzo delle AUTOCLAVI che sono in pratica delle pentole a pressione: l'aumento della pressione provocato dal vapore acqueo in un recipiente sigillato fa sì che la temperatura di ebollizione dell'acqua aumenta oltre i 100 °C  sterilizzando il contenuto del recipiente.

Altri metodi fisici di disinfezione sono costituiti da:

- Radiazioni ultraviolette
- Radiazioni gamma

Il vantaggio dei metodi fisici è quello di operare la riduzione delle cariche batteriche senza lasciare residui

Gli svantaggi sono legati al fatto che con il calore non è possibile sterilizzare materiali che non resistono alle alte temperature: le radiazioni UV e Gamma possono essere pericolose per le persone in caso di esposizioni accidentali.

METODI CHIMICI

Tra i metodi chimici il più antico è la CALCE già usata nell'antichità: veniva anche usata la CALCE VIVA pensando, erroneamente , che avesse un potere disinfettante maggiore della calce spenta.

In realtà la calce viva (Ossido di calcio impuro per altri composti) a contatto con l'acqua forma idrossido di calcio (calce spenta) e la reazione è talmente esotermica (sviluppa calore) che l'acqua entra in ebollizione.

In pratica la disinfezione con calce viva era una azione combinata della calce spenta con il calore.

La classe di disinfettanti chimici è molto vasta e solo per citarne alcuni:

- Alcool etilico
- Acqua Ossigenata
- Iodio
- Fenolo e derivati
- Ipoclorito di sodio
- Cloroammine
- Alcuni gas come Cloro, Biossido di Cloro, Bromo, Ossido di Etilene, Ozono
- Sali quaternari di Ammonio
- Acido Borico
- Glutaraldeide

I derivati del cloro (Ipoclorito di sodio, Biossido di Cloro, Cloroammine) sono molto utilizzati per la disinfezione delle acque potabili o di piscina.

Alcool etilico, Acqua ossigenata, Iodio sono notoriamente utilizzati per la disinfezione di ferite ed in chirurgia.

L'Ossido di Etilene è utilizzato per la sterilizzazione di articoli per uso sanitario monouso (siringhe ecc.)

L'Ozono è utilizzato per la disinfezione di ambienti.

L'Acido Borico è, come noto, un antisettico usato in oculistica.

Il Fenolo ed i suoi derivati, sebbene si usino ancora saltuariamente, stanno tuttavia scomparendo a causa del loro odore marcato.

I sali quaternari di ammonio costituiscono una classe eccellente di disinfettanti grazie alla loro efficacia, ampio spettro di azione, assenza di odori, bassa tossicità.

Le disinfezioni ambientali vengono quasi sempre eseguite mediante nebulizzazione di soluzioni acquose di sali di amonio quaternari .

COME AGISCE UN DISINFETTANTE

La disinfezione è sostanzialmente una uccisione delle cellule o dei virus (Effetto Biocida) oppure un arresto della loro moltiplicazione (Effetto Biostatico).

L'uccisione dei microorganismi avviene generalmente per lisi della parete cellulare (nel caso dei Batteri) o della capsula proteica (nel caso dei Virus).

L'azione biostatica avviene generalmente per azione diretta sul DNA del nucleo: se ne provoca il danneggiamento arrestando quindi i meccanismi di replicazione del microorganismo.

DOMANDE E RISPOSTE

- E' vero che per deodorare un ambiente si effettua una disinfezione?

Sì, la causa dei cattivi odori spesso è dovuta alla presenza di Batteri anaerobi

- Quale è il disinfettante più efficace ?

Non esiste un disinfettante più efficace in assoluto: ognuno ha pregi e difetti e occorre scegliere il miglior compromesso.

Un esempio? Il miglior disinfettante per le mani è un buon sapone!! non irrita, ha anche azione detergente, non è aggrressivo verso gli strati di grasso come lo è invece , ad esempio, l'alcool.

Il cloro contenuto nell'acqua potabile è dannoso?

Il dosaggio del cloro nelle acque potabili non dovrebbe superare le 0.2 - 0.3 ppm.
Valori superiori potrebbero in effetti dare luogo a problemi in soggetti sensibili.

Se l'acqua è utilizzata per la cottura l'eccesso di cloro vaporizza con il calore ma se si  intende berla tal quale, in caso di eccesiva clorazione, conviene porla in caraffe a bocca larga e utilizzarla, anche tenendola in frigo, dopo qualche ora.

Perchè a volte l'acqua sa di "varechina" o di "muffa"?

Il cattivo sapore e odore cha a volte si percepiscono nell'acqua dell'acquedotto sono dovuti a prodotti derivati dall'azione del cloro (cloroammine e clorofenoli).

Purtroppo questo difetto non sparisce lasciando riposare l'acqua come nel caso di eccesso di cloro: in questo caso conviene avvisare l'Amministratore del caseggiato il quale disporrà un controllo di serbatoi di riserva, della rete di distribuzione interna, oppure rivolgersi direttamente ad una Impresa specializzata.

Sono utili i depuratori domestici per l'acqua?

I depuratori, se prodotti da Case di qualità, sono indubbiamente utili ma occorre stare molto attenti alla loro manutenzione: una cattiva manutenzione di un depuratore (controllo dei filtri, loro pulizia , rigenerazione o sostituzione) potrebbe addirittura provocare un danno maggiore perchè un filtro saturo diventa una sorgente di inquinamento pericolosa.